La sequenza è raccapricciante. Un uomo fa jogging su una stradina di campagna, alla periferia di Melendugno, in provincia di Lecce. E’ inseguito da tre cuccioli di poche settimane. Probabilmente infastidito dal loro giocherellare durante la sua corsa, ne afferra prima due per il collo. Poi fa lo stesso con il terzo. Li scaraventa al di là del muro di cinta di un’abitazione. Lo fa con ferocia. Uno dei cagnolini urta violentemente contro il rimorchio di un tir in sosta, prima di cadere a terra, dove accorrono due pastori tedeschi attirati dai loro lamenti dei piccoli, che poi adotteranno.

E’ il pomeriggio di domenica, intorno alle 17. Le telecamere di videosorveglianza di una villa immortalano tutto. Il proprietario, che lì ha gli uffici della sua azienda e s’è ritrovato i cuccioli all’improvviso, ha deciso di visionare le immagini e diffonderle su Youtube, prima di consegnare il video ai carabinieri della locale stazione, ieri mattina. E’ stato identificato e denunciato, così, l’autore del gesto. E’ un operaio di 55 anni, residente in una frazione di Vernole, un comune limitrofo. “I cani mi inseguivano mentre correvo e ho deciso di lanciarli oltre la recinzione per evitare che finissero sotto qualche auto”. E’ questa la giustificazione che l’uomo avrebbe fornito ai militari. I tre cagnolini, dopo il trauma iniziale, si stanno riprendendo. Sono nutriti e accuditi dal titolare dell’abitazione all’interno della quale sono stati gettati. E ora cercano casa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sbarchi, l’accoglienza umanitaria non è un optional

prev
Articolo Successivo

Manning, Wikileaks, dipende chi si tradisce

next