“Estrema soddisfazione e orgoglio per l’ordine record”, ha commentato Giuseppe Bono, amministratore delegato di Fincantieri, festeggiando la commessa aggiudicata da 1,1 miliardi di dollari. Le quattro navi posatubi ordinate, che serviranno a supportare costruzioni offshore, saranno consegnate nel secondo e terzo trimestre 2016. Ma non saranno realizzate in Italia. Due saranno costruite nel cantiere rumeno di Tulcea e allestite in quello norvegese di Soviknes e altre due saranno realizzate nel cantiere brasiliano di Promar.

Bono ha spiegato che “anche in Italia, potendo contare su un campione della cantieristica come Fincantieri, su importanti operatori a livello mondiale nel comparto dell’oil & gas e su un network di piccole e medie aziende altamente specializzate, si potrebbe attivare proficuamente un cluster in grado di competere sul mercato internazionale con ricadute sull’economia italiana, per aumentare il valore aggiunto delle nostre industrie e quindi i loro margini e ampliare la base occupazionale del Paese con competenze di altissimo livello”.

Fincantieri si è aggiudicata l’ordine attraverso la controllata norvegese Vard, impegnata nella progettazione e costruzione di mezzi di supporto alle attività di estrazione e produzione di petrolio e gas naturale. Le navi sono state ordinate da DOF Subsea, gruppo norvegese specializzato in ingegneria per l’industria sottomarina, e Technip, multinazionale francese con 38mila dipendenti che opera nel settore energia.

La commessa miliardaria, e la notizia che la produzione sarà in Romania e Brasile, arriva in un momento particolarmente delicato per l’azienda. E’ infatti in corso un braccio di ferro all’interno del gruppo tra operai, sindacalisti e direzione, con l’ultimo sciopero scattato nelle ultime settimane dopo che la società ha messo in cassa integrazione 30 operai minacciando di spostare la produzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Debito pubblico ancora in crescita: “A giugno nuovo record a 2.075 miliardi”

next
Articolo Successivo

Sviluppo economico: l’acqua calda, gli uomini di casa e la triste storia delle leggi

next