Caro Francesco,
tu ci avevi avvertito: “Pensare di eliminare Berlusconi per via giudiziaria credo sia stato il più grande errore di questa sinistra.”. Infatti, non l’abbiamo eliminato noi, si è eliminato da solo dal gruppo di italiani onesti, commettendo reato. Come vedi dalle sue reazioni, è ancora vivo e vegeto. Ma ha ricevuto finalmente – e definitivamente – la giusta condanna.

Scusa Francesco, per il mio “finalmente” ma, vedi, sono 20 anni che abbiamo davanti agli occhi (come scrive benissimo Scanzi): amnistie, prescrizioni, depenalizzazioni e quintali di leggi ad personam, senza queste lui sarebbe in carcere già da tempo ed era già stato processato e condannato (solo in primo grado, certamente) anche per prostituzione minorile!

Scusa Francesco, tu dici: “basta con l’accanimento sulla sua vita privata”, ma è lui che si è accanito su una minorenne e ha infranto la legge, e cosa avrebbero dovuto fare i giudici? “C’è questo reato di prostituzione minorile probabilmente a carico di Berlusconi, che facciamo, indaghiamo o è accanimento?”

Scusa Francesco, se noi continuiamo a pensare che un pregiudicato non possa stare in Parlamento, non possa parlare per 9 minuti a ruota libera – senza contraddittorio – sulla rete principale della televisione pubblica e, soprattutto, non possa essere venire a patti e ricattare rimanendo l’interlocutore di questo governo dell’inciucio.

Scusa Francesco, se per me è ancora più difficile capirti. Ti ho sempre ammirato e stimato, come cantautore. E quando ho ricevuto la tua solidarietà 20 anni fa, dopo l’aggressione subita per le mie battaglie antiberlusconiane, questa mi aiutò a riprendermi e andare avanti. E siamo andati avanti, in questi anni, sperando che arrivasse il momento della resa dei conti. Forse è una piccola rivincita, ma costata molte sofferenze e tanta fatica.

Scusa Francesco, se ritengo che la “coerenza” sia ancora uno dei pregi più grandi che dovrebbero avere gli intellettuali e i “maestri” come te. Ma oggi, punti di riferimento importanti che ci raccontino il Paese e ci indichino la strada del futuro senza cambiare direzione a 90° al primo ingorgo, dopo la morte di Bocca, Monicelli, Franca Rame e Tabucchi, ne sono rimasti pochi e- a quanto pare – tu non sei tra questi.

Scusa Francesco, ma l’1 agosto 2013 sarà ricordato per sempre per la completa attuazione dell’articolo 3 della nostra Costituzione: “i cittadini sono eguali davanti alla legge”

Infine scusa Francesco se quel giorno io ho festeggiato, stappando una bottiglia di spumante e brindando insieme agli altri cittadini che, come me, speravano in una giusta giustizia. E non me ne pento. Se viene accertato che B. è un criminale che ha frodato milioni di euro allo Stato (e quindi al popolo italiano), perché mai dovrei scusarmi io? Caso mai dovrebbero scusarsi i dirigenti del Partito Democratico, che non hanno ancora staccato la spina. O forse vogliono continuare a governare assieme a un criminale?

Sai Francesco, per fortuna in Italia non ci siamo ancora tutti assuefatti al pensiero unico e continueremo a lottare, anche oggi che viene sventolato il ricatto di una “grazia” del Presidente della Repubblica.

Questa non è una disputa tra contendenti ma la richiesta di rispetto delle leggi e della legalità. E se non sei d’accordo pazienza, “posso dartela vinta e tenermi la mia vita.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riforma della giustizia ad personam

prev
Articolo Successivo

Mps, “Draghi disse che sarebbe stato con noi nell’acquisto di Antonveneta”

next