Sei mesi di squalifica a fronte di una richiesta di 4 anni e sei mesi. E’ andata bene a Stefano Mauri, il capitano della Lazio, condannato dalla Commissione disciplinare della Figc nel procedimento relativo alle gare Lazio-Genoa del 14 maggio e Lecce-Lazio del 22 maggio 2011. Mauri è stato sanzionato per omessa denuncia in relazione al match Lazio-Genoa. Per la società biancoceleste, invece, ammenda di 40mila (la richiesta era di 6 punti di penalizzazione). Tra le altre sanzioni, 2 mesi a Carlo Gervasoni, 4 a Mario Cassano, 6 a Stefano Ferrario e 2 anni ad Alessandro Zamperini. Ammenda di 20mila euro, invece, per il Lecce. Proscioglimenti per Massimiliano Benassi, Omar Milanetto, Antonio Rosati e per il Genoa.

I legali di Stefano Mauri hanno annunciato ricorso contro la squalifica. “Siamo in presenza di una decisione che lascia comunque un inevitabile fondo di amarezza, perché ingiusta la sanzione comminata per circostanze, le quali, analogamente all’illecito principale, non sono assistite da alcuna obiettiva fonte di prova” hanno scritto in una nota i legali Amilcare Buceti e Matteo Melandri. “Anche in ordine all’omessa denuncia proporremo giusta impugnazione, per cancellare ogni addebito a carico del capitano. Resta, infatti, un incomprensibile errore di valutazione della Commissione Disciplinare, atteso che nessuna prova del benché minimo coinvolgimento di Stefano Mauri nella supposta combine delle partire risulta allegata” hanno aggiunto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Olimpiadi di Londra, un anno dopo: il governo dà i numeri, ma la realtà è diversa

prev
Articolo Successivo

Berlusconi condannato, se anche il Milan diventa ‘falco’ del Popolo della Libertà

next