Nel “giorno del giudizio” per Silvio Berlusconi, il titolo Mediaset ha segnato una giornata di rialzi in Borsa chiudendo a +3,27%. Mentre la Cassazione dovrebbere emettere al più presto la sentenza relativa al processo sulla compravendita dei diritti Tv della stessa Mediaset, con imputato l’ex premier. Anche Mondadori ha chiuso a +5,67% in una giornata che ha visto piazza Affari crescere dell’1,64%. Bene anche Mediolanum, che ha fatto segnare un +2,63%.

I bookmaker internazionali abbassano però le quotazioni di Silvio Berlusconi: Betpassion, riporta l’agenzia specializzata Agipronews, piazza appena a 1,42 la conferma della condanna, con l’annullamento in toto della condanna che viene bancato a 20 volte la scommessa: con 10 euro puntati se ne vincerebbero 200. Quota bassa invece, anche per la terza soluzione: la sentenza con rinvio ad un’altra corte di Appello per celebrare un nuovo processo o ricalcolare la pena è offerta a 1,70

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Piombino, acciaierie in ginocchio: stabilimento (e 4mila posti) a rischio

prev
Articolo Successivo

Marchionne: “Condizioni industriali italiane impossibili. Alternative per Alfa”

next