Il settore immobiliare? “Un mondo che costruisce, ma che non ha uno sbocco di uscita – risponde il presidente dell’ordine dei commercialisti di Milano Alessandro Solidoro –. La situazione di stallo coinvolge sia il sistema bancario che ha finanziato i progetti, sia le imprese produttrici che si trovano con un portafoglio immobili astrattamente di valore ma in concreto non commerciabili”. E le imprese di costruzioni, oggi più che mai, sono a rischio fallimento. Spiega Roberto Fontana, giudice del tribunale fallimentare di Milano: “Molte di quelle che vanno in fallimento sono proprietarie di immobili destinati alla vendita da parte del tribunale. Abbiamo tanti casi in cui si arriva alla vendita a metà prezzo rispetto al valore originario stimato dell’immobili. La situazione è ancora più grave per gli immobili a destinazione industriale e commerciale, per i quali c’è una sostanziale paralisi”. E visto che molti di questi immobili sono stati dati dalle imprese in garanzia alla banche per ottenere finanziamenti, ora ne pagano le conseguenze gli istituti di credito. Secondo Carlo Bianco, commercialista esperto in procedure fallimentari, nei loro bilanci le banche dovrebbero “esporre il rischio del mancato realizzo di questi beni, perché questi beni oggi non valgono” di Luigi Franco e Gaia Scacciavillani

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Piombino, acciaierie in ginocchio: stabilimento (e 4mila posti) a rischio

prev
Articolo Successivo

Mediaset, balzo in Borsa nel “giorno del giudizio per B.”. Bene anche Mondadori

next