Eataly - porchetta PorcellumLa pubblicità auto prodotta cui ci siamo abituati in Italia è di infimo livello etico e culturale. Penso alle affissioni sessiste giocate su beceri doppi sensi per vini come la Passerina, o alle ammiccanti saghe sulle mozzarelle in Sicilia e in Campania. E per contrasto vien da ricordare i poetici motti di spirito dei commercianti degli anni sessanta-settanta scritti a mano o con i trasferibili sui cartellini dei prezzi, all’ingresso dei negozi, all’interno dei bar, in un’Italia sicuramente più ingenua di quella che è diventata oggi.

La nostalgia di quel Paese da “Poveri ma belli” è tornata vedendo questa pubblicità fai-da-te firmata da Eataly. L’offerta è esagerata, di quelle da strapaese che si vedono soltanto nelle sagre di provincia: Eataly offre porchetta a tutti se viene cancellato il Porcellum. L’offerta è valida fino al 30 settembre e include anche i Parlamentari. Un’iniziativa quantomeno avventata, considerando il loro inesauribile appetito: si rischia di arrivare subito all’esaurimento delle scorte senza ottenere in cambio un bel niente. Però hai visto mai che questa terapia omeopatica funzioni davvero…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stato di necessità: dalla psicologia individuale ai gruppi politici

prev
Articolo Successivo

Banane al ministro: immagino la riunione organizzativa…

next