“E’ una situazione che dovrà essere ulteriormente chiarita e approfondita, sono fatti molto complessi e la chiarezza dovrà essere totale”. Luigi Zanda, capogruppo al Senato del Partito democratico, si mostra scettico sulla relazione fatta dal ministro Angelino Alfano al Senato. Sulla posizione del partito, in vista della mozione di sfiducia confermata ai nostri microfoni sia da Sel che dal M5S, afferma: “Domani il Pd al Senato farà un’assemblea per decidere la linea per la giornata di venerdì”. “Situazione oscura – per i 5 Stelle –  se è vero che Alfano non sapesse nulla i casi sono due: o siamo davanti ad un ministero cialtrone oppure se Alfano era informato ci troviamo davanti ad un ministro bugiardo”. Per il senatore Peppe De Cristofaro (Sel): “Anche se fosse vera la sua versione, alla quale non credo, anche in quel caso dovrebbe avere il buongusto di dimettersi: un ministro degli Interni sotto i cui occhi accadono fatti incredibili come questi, penso non sia degno di rappresentare l’Italia in una posizione così delicata”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso Kyenge, quasi 150mila firme per chiedere le dimissioni di Calderoli

prev
Articolo Successivo

Caso Kyenge, Calderoli: “Non mi dimetto”. Letta: “E’ una vergogna”

next