Il Boeing 777 della compagnia sudcoreana Asiana Airlines che si è incendiato sulla pista all’aeroporto di San Francisco con un bilancio di due morti e 182 feriti, “volava troppo basso” con il muso in aria in fase di atterraggio. E’ quanto ha raccontato un passeggero sopravissuto. Le due vittime sono di nazionalità cinese. 

“Ho notato – è la testimonianza di Xu Da, cittadino cinese, all’emittente del suo Paese Cctv – che l’aereo volava troppo basso al momento di atterrare. Si stava preparando a toccare il suolo quando il velivolo ha accelerato e il muso si è sollevato”. L’impatto si sarebbe quindi verificato perché l’assetto dell’aereo non era parallelo alla pista ma fortemente angolato, con la coda troppo bassa rispetto al muso. “Volavamo già troppo bassi prima che ciò avvenisse”, ha aggiunto Xu. 

“Le maschere d’ossigeno sono subito fuoriuscite e si è diffuso un odore nauseabondo per tutta la cabina. Vedevo anche scintille provenire dalla parte anteriore dell’aereo”, ha aggiunto il passeggero, che ha detto che dopo l’impatto la parte posteriore del Boeing 777 presentava un “enorme buco” e che nella cabina passeggeri regnava il caos.

Secondo quanto riferito dalla compagnia aerea sudcoreana Asiana Airlines, l’incidente non sarebbe stato causato da problemi meccanici: “Da quanto ne sappiamo, non c’è stato alcun problema meccanico o con i motori del del Boeing 777-200″, ha dichiarato l’amministratore delegato, Yoon Young-doo. L’Fbi ha comunque escluso un attentato terroristico.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, arriva il “Whisteblowing”: il nuovo sistema anticorruzione del Comune

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco pensa al successore di Bertone alla segreteria di Stato

next