In queste ore sulle principali reti tv sta andando in onda una vera e propria orgia del conflitto di interessi. Tutte le regole e i codici relativi al processo in tv sono ormai saltate.

Berlusconi, condannato ed ancora imputato in diversi procedimenti, ha potuto “giudicare” i suoi giudici, interferire nei procedimenti prossimi venturi, avanzare le sue richieste sul caso Mondadori, e persino insolentire la parte lesa, in questo caso l’ingegner De Benedetti.

Il governo che “vuole nuove regole per la rete” ha nulla da dire sul mancato rispetto persino di quelle vecchie?
Le Autorità di garanzia intendono abrogare il codice sui processi in tv?
Dove, come e quando sarà concesso il diritto di replica alle altre parti coinvolte in queste vicende processuali?
La facolta concessa a Berlusconi varrá anche per tutti gli altri cittadini inquisiti o condanati per lo stesso tipo di reati?
A quale sportello Rai potranno rivolgersi per chiedere l’accesso ai principali Tg della sera?

Il cavaliere ha annunciato che rifonderá Forza Italia e che, purtroppo, sará costretto a guidarla Lui.

Per ora, invece, purtroppo, continua ad andare in onda ” Farsa Italia”, una trasmissione che non fa piú neppure ridere. Forse sarebbe il caso di cambiare il palinsesto!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, anche il Tg1 assoldato nella guerra contro la magistratura

prev
Articolo Successivo

Il Fatto del lunedì: adesso importiamo anche i mafiosi

next