Il figlio del capomafia Bernardo Provenzano, Angelo, ha presentato un esposto ai carabinieri di Parma, città in cui il boss è detenuto, denunciando “lo stato di degrado, di abbandono fisico, l’assenza di igiene” in cui versa il padre “trattato – scrive – in dispregio a tutti i criteri minimi di umanità”.

La decisione di sporgere denuncia è stata presa dopo l’ultima visita al carcere – il boss è ricoverato da settimane per un’infezione – dove Angelo Provenzano è andato per avere notizie sulla salute del padre. Dal penitenziario hanno consegnato al figlio di Provenzano la biancheria del detenuto che – dice la denuncia – è “in condizioni igieniche incompatibili con il minimo senso di decenza, testimoniando l’abbandono igienico totale in cui versa”.

“La biancheria – si legge nell’esposto – era intrisa di urine e macchiata fin sulla parte che copre le spalle, risultando palesemente bagnata, oltre che piena di macchie già presumibilmente asciugatesi, nonché emanante un insopportabile fetore”. Provenzano jr fa, inoltre, presente “che negli ultimi tempi, su disposizione del carcere, non sono stati più fatti entrare né accappatoi, né asciugamani (poiché, si dice, sia impossibile fare la doccia al detenuto)”. Tutti elementi che spiegherebbero, secondo i familiari del boss, le infezioni di cui soffre.

Da mesi il legale del capomafia Rosalba Di Gregorio chiede invano la revoca del 41 bis per il padrino di Corleone, affetto da diverse patologie neurologiche, cardiache e da una recidiva del tumore alla prostata. Il boss viene alimentato con un sondino e non è più in grado di deambulare da solo. Qualche settimana fa, il programma di Michele Santoro, Servizio Pubblico aveva mandato in onda in esclusiva il video di Bernardo Provenzano in carcere.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Molo Street parade: la festa dopo il nubifragio tra turismo e polemiche

prev
Articolo Successivo

Donna uccisa e messa in un freezer: arrestato il compagno in Sardegna

next