Il bilancio è di almeno cinque vittime e un ferito grave. A Santa Monica, in California, un uomo armato pesantemente ha aperto il fuoco in strada prima di essere ucciso dalla polizia nella biblioteca di un college. La strage è avvenuta mentre il presidente americano Barack Obama si trovava nell’area per un evento di raccolta di fondi, ma le due vicende non sembrano collegate, a quanto riferiscono le autorità.

Secondo le prime ricostruzioni, tutto è cominciato poco prima di mezzogiorno, quando si sono sentiti colpi da fuoco provenire da una casa di un quartiere residenziale che è stata poi data alle fiamme. All’interno sono stati trovati i cadaveri di due uomini. Fonti della polizia hanno riferito al Los Angeles Times che si tratta di Samir Zawari, 55 anni, e di uno dei suoi figli. L’altro figlio, fra i 25 e i 30 anni, sarebbe il sospetto omicida.

L’aggressore, descritto dai testimoni come vestito interamente di nero, una cartuccera alla cintura e un grosso fucile in mano, ha cominciato a sparare per le strade, aprendo il fuoco anche contro autobus e automobili. Poi è entrato all’università, continuando a sparare, ha riferito la portavoce della polizia Jacqueline Seabrooks in una conferenza stampa. Studenti del college hanno raccontato di essersi nascosti nelle aule, con la luce spenta, sdraiati a terra. L’uomo ha ucciso una donna all’ingresso della biblioteca e poi si è rifugiato all’interno, ma qui è stato ucciso dagli agenti di polizia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mandela ancora in ospedale. Il governo: “Questa volta è grave, ma è sereno”

prev
Articolo Successivo

Afghanistan, attacco contro i militari italiani: un morto e almeno tre feriti

next