Una lunga strada di impegno e passione dalla Sicilia di Paternò, Catania, fino allo spazio della Stazione Spaziale Internazionale (Iss). E’ quella percorsa dal siciliano Luca Parmitano, maggiore dell’Aeronautica Militare, copilota della capsula Soyuz, resterà sei mesi a bordo della Iss e sarà il primo italiano a effettuare una ‘passeggiata’ all’esterno. “Quando piloto una navetta realizzo quello che è il sogno di ogni bambino”, ha spiegato Parmitano pochi mesi fa, durante le ultime fasi del lungo periodo di addestramento allo spazio svolto principalmente tra Usa e Russia.

Il sogno di Luca inizia in Sicilia 36 anni fa, il 27 settembre del 1976, dove si è diplomato al Liceo Scientifico Statale “Galileo Galilei” di Catania nel 1995, frequentando un anno in California, grazie ad una borsa di studio. Ha proseguito poi gli studi conseguendo la laurea in Scienze politiche alla Federico II nel 1999 e, l’anno seguente, anche il diploma all’Accademia Aeronautica di Pozzuoli.

La carriera di pilota, e poi pilota collaudatore, è proseguita anche in Usa, Germania, Francia e Belgio, dove fu inoltre vittima di un pericoloso incidente. Come capitano dell’Aeronautica Militare, Parmitano ha al suo attivo oltre 2.000 ore di volo ed è qualificato su oltre 20 tipi di aerei militari. In tutti i suoi spostamenti Parmitano è stato sempre accompagnato dalla famiglia, la moglie con Kathryn, statunitense conosciuta da studente, e le due bambine, Sara e Maia di 6 e 3 anni.

Nel 2009 è stato selezionato dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa), assieme a Samantha Cristoforetti, all’interno del corpo astronauti e poco dopo assegnato a questa sua prima missione, dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), come copilota della capsula Soyuz. Durante i sei mesi di missione, chiamata ‘Volare’ e ispirata alla celebre canzone di Domenico Modugno, Parmitano si occuperà di seguire alcune strumentazioni scientifiche, nonchè due passeggiate spaziali e il comando del braccio robotico della Iss. Non un grande chitarrista, ha iniziato a suonare da poco più di un anno, Parmitano sarà però anche il musicista di bordo: uno dei prossimi carichi di rifornimenti da Terra prevede infatti l’arrivo di una chitarra a lui destinata.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spazio, partita la missione Volare: l’italiano Luca Parmitano è in orbita

next
Articolo Successivo

Scienziati italiani inventano le nanocapsule anti cancro. Ma brevetto è francese

next