Non si sono conosce ancora il perché, ma una donna ha lanciato i due figli piccoli dalla finestra del terzo piano di casa. E’ successo sabato a Busto Arsizio (Varese) poco dopo mezzogiorno, in viale Boccaccio. Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118 e la polizia di Stato. Le condizioni dei due bambini, 3 e 6 anni, sono gravi; sono entrambi in prognosi riservata, ma i medici sono ottimisti su una possibile ripresa. Il più grande è stato ricoverato con un trauma cranico all’ospedale di Legnano, mentre la più piccola si trova all’ospedale di Busto con un trauma addominale: ha una frattura al torace che ha comportato il versamento di sangue nel polmone; per quanto riguarda il maschietto il personale medico ha riscontrato una frattura a una vertebra ma non ci sarebbero lesioni al midollo spinale.

Secondo la ricostruzione degli investigatori i piccoli hanno compiuto un volo di 8-9 metri e sono atterrati su un terrazzo che si trova sotto. Alcuni testimoni hanno visto la donna, che era sola in casa con i bambini e la madre anziana perché il marito era uscito a fare la spesa, lanciare prima la figlia minore e poco dopo anche il più grande. Sono stati alcuni vicini a dare l’allarme. E’ stato un uomo che ha visto precipitare la bambina di tre anni, ha chiamato i soccorsi e la polizia e, dopo qualche momento, ha visto cadere giù anche il bambino di sei. 

La madre è stata fermata per tentato omicidio, ha 40 anni e sembra soffra di problemi psichici. Sposata con un professionista, in passato era stata in cura per depressione. Una vicina ha raccontato che l’aveva sentita spesso gridare contro i piccoli. Interrogata in commissariato dal pm di turno, Mirko Monti ha detto: “L’ho fatto per il loro bene”. La donna, recentemente era stata ricoverata per un mese ed era in cura con psicofarmaci. Avrebbe spiegato di non sentirsi adatta come madre e di essere terrorizzata per il futuro dei figli. Pare avesse “pensato da tempo” a un gesto come quello di ieri. Agli investigatori la donna, che ha confessato “non ce la facevo più”, era apparsa “collaborativa, ma non lucida”. 

Venerdì a Palermo un poliziotto ha sparato al figlio. Il piccolo è stato dichiarato morto. Venerdì un poliziotto ha sparato con la pistola d’ordinanza al figlio di sette anni e si è tolto la vita. Il poliziotto si chiamava Ivan Irrera e viveva con il figlio, la moglie e una figlia di 14 anni in via Pitrè, a Misilmeri, un paese in provincia di Palermo. Irrera era in servizio alla Squadra mobile di Palermo nella sezione Antirapine. I medici hanno dichiarato la morte cerebrale del piccolo questa mattina. La madre ha dato il consenso al prelievo degli organi.

A Spoleto suicida l’uomo che uccise entrambi i figli per vendetta. Sabato si è tolto la vita in carcere Mustapha Hajjaji, il cittadino marocchino di 45 anni arrestato nel novembre dell’anno scorso per avere ucciso a Umbertide i figli, Ahmed, otto anni, e la sorella Jihane, 12. L’uomo era attualmente detenuto nel carcere di Spoleto. L’uomo si è ucciso impiccato utilizzando i lacci delle scarpe legati alle sbarre. Era in cella da solo e stamani il corpo è stato scoperto dalla polizia penitenziaria. Il muratore aveva sgozzato i bambini in casa della moglie dalla quale si era da poco separato. Aveva quindi tentato di suicidarsi, senza riuscirci, prima dell’intervento dei carabinieri che lo avevano bloccato. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A 21 anni dalle stragi l’antimafia fa la guerra a se stessa

next
Articolo Successivo

Ian Curtis e i Joy Division: per sempre “Closer”

next