salsa per arista di maialeButtate quattro spicchi d’aglio frantumati in un buon olio aspettando che si colorino fino al color dell’oro insieme a dieci foglie di salvia e a poco rosmarino sfilato. Quando entrambe si irrigidiranno per la violenza del calore, fateci sfrigolare dentro il succo di mezzo limone. Spegnete il tutto e in un’altra teglia fate ritirare del grasso fuoriuscito da un’arista (costata di maiale) cotta a bassissima temperatura, 85° per quattro ore e mezzo, in un forno ventilato (95° per cinque ore di un forno normale), lasciando le carni, in questa lenta cottura, bagnate di un paio di bicchieri di un buon vino bianco e un bicchiere di buon olio.

Ritirandosi, questa potente sugagna prenderà un bel colore brunito. Se poi avrete staffato l’arista con un trito d’aglio, rosmarino, salvia, scorza di limone, seme di finocchio polverizzato, sale e pepe, il sapore fascerà la grassa salsa, che raggiungerà, nell’unirsi al primo intingolo, una potenza notevole. La riporterete a una gradevolissima sapidità aggiungendoci sei carote, tre cipolle e una costola di sedano ben ammorbidite con una lunga bollitura, come se doveste fare un buon brodo vegetale, completamente libero da qualsiasi sale. Frullate il tutto ottenendo così una salsina buonissima sia per condire la medesima arista, sia un purè di patate con cui potrete accompagnare il tutto.

Tenete presente che se volete raggiungere la perfezione, dovrete anche saltare degli spinaci, dopo averli sbollentati, con aglio e peperoncino e aggiungerli nel piatto di portata, sporcando anch’essi con la medesima salsa. Buon appetito.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano Food Week 2013, guida (quasi) ragionata

prev
Articolo Successivo

“Vini italiani in Cina”: l’enologia tricolore sbarca in Oriente

next