La riforma delle intercettazioni deve essere fatta “con uno spirito che non sia contro qualcuno. Non deve essere contro i magistrati pensando di privarli di uno strumento fondamentale di indagine, non deve essere contro i giornalisti, che ovviamente devono poter avere la libertà di informare, ma non deve essere neanche contro i terzi estranei che finiscono per caso dentro le intercettazioni in cui parlano di vicende che non hanno nulla a che fare con l’indagine”. Lo dice il vicepresidente del Csm Michele Vietti, intervistato da Tg2 Punto di Vista. “Credo che si debba introdurre un’udienza-stralcio in cui si selezionano le notizie rilevanti ai fini del processo e a quelle irrilevanti. Queste ultime – ha aggiunto – vanno distrutte”.

Ma il Pdl intanto torna all’attacco. La questione appare tutt’altro che secondaria come si sono affrettati a precisare gli esponenti del centrodestra. Perché oggi sul nodo intercettazioni interviene di nuovo il capogruppo del Popolo delle Libertà alla Camera Renato Brunetta: “Non è normale – dice – che si facciano intercettazioni sul capo dello Stato” o, come in passato per Silvio Berlusconi, sul premier. “Per questo – aggiunge – occorre una riforma del sistema delle intercettazioni per limitare gli abusi e una nuova regolazione dei poteri dell’ordine giudiziario”. “Non è normale – insiste l’ex ministro – che si intercetti il Capo dello Stato. Non è normale che questi debba investire la Corte costituzionale per ottenere la distruzione delle intercettazioni. Non è normale che si intercetti il presidente del Consiglio, come è successo a Berlusconi”. “Per questo – conclude Brunetta – occorre una riforma del sistema delle intercettazioni che ne limiti gli abusi e serve una nuova regolamentazione dei poteri dell’ordine giudiziario, che non è un potere ma un ordine in quanto la magistratura non è eletta dal popolo”.

In mattinata il ministro per le Riforme Istituzionali Gaetano Quagliariello aveva precisato: “Le intercettazioni non fanno parte del programma di governo, poi è chiaro che il parlamento porterà delle proposte di legge. Sarebbe un errore vederci sempre un’operazione politica, non c’è nessuna operazione. La nostra intesa di governo può essere minata o rafforzata sulle cose che abbiamo deciso di fare insieme”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legge elettorale, Cassazione boccia il premio di maggioranza del Porcellum

prev
Articolo Successivo

Imu, Berlusconi: “Rinvio è primo successo. Il Pd deve fare i conti con noi”

next