In questo periodo elettorale Roma è tempestata di messaggi pubblicitari di politici che si candidano. In uno di questi, molto diffuso, il sindaco uscente pubblicizza “meno 13% di reati”.
Senza voler contestare in alcun modo il dato statistico, credo che però si debba fare una distinzione per zone o, quantomeno, alcune considerazioni di contorno.

Personalmente non passa settimana che i miei vicini di Trastevere non mi chiedano, in rigoroso romanesco: “a te che t’hanno rubbato ‘sta settimana?” “A me è annata bene: solo er casco der motorino” “A me ‘nvece m’anno scritto sulla porta de casa …i cosi, come se chiameno, i writter”. Ma ‘nse ponno pagà le guardie private?” “A bici de mi moje è ita!”, e così via.

Il tentativo di chiamare le forze dell’ordine, ridotte allo stremo dalle varie finanziarie che hanno tolto uomini e risorse, è spesso vano. Accade che telefoni per una rissa e solo dopo mezz’ora arriva la volante. Forse.
Personalmente ho assistito quotidianamente, negli ultimi anni, a schiamazzi notturni di ubriachi molesti, atti osceni in luogo pubblico (amplessi sui cofani delle auto!), immancabili urinatoi improvvisati nelle vie più buie (vicolo Moroni e vicolo del Quartiere sono diventati i più grandi urinatoi pubblici in Europa: una nuova attrazione turistica che richiama decine e decine di visitatori notturni!), ritrovo non di rado borse e portafogli vuoti, ho visto tirare vasi da parte di adolescenti ubriachi verso abitanti del primo piano che avevano protestato per il rumore, ho assistito a piccole risse, al consumo di fiumi di droga da parte di adolescenti (soprattutto spinelli e cocaina: talvolta lo specchietto del mio motorino la mattina è girato verso l’alto e con sopra dei granelli di polverina bianca intorno ad una striscia di specchietto sospettamente dritta e pulita…), cui spesso assisto direttamente dalla mia finestra. Ho visto anche una rapina, minacce ed ingiurie. Ma non mancano ovviamente i danneggiamenti alle macchine, le scritte sui muri, i furti all’interno del condominio, i furti di pezzi della bicicletta (il ferramenta di trastevere deve essere un uomo ricco: credo sia il più grande venditore di antifurto per cicli al mondo! Ma, forse, in guadagni lo batte proprio il venditore di ciclo-ricambi…).

Volendo trarre una conclusione, credo che ciò che è cambiato, almeno nella mia percezione, è solo la rassegnazione degli abitanti: non sarà che i reati sono statisticamente diminuiti perché la gente non li denuncia nemmeno più?

In ogni caso, mentre i politici ci rassicurano con i dati statistici (13% in meno) che vorrebbero farci davvero sentire più tranquilli, non mi meraviglia invece che altrove si  avvertano i turisti che Roma è una città rischiosa !

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trasporto pubblico italiano, autobus elettorali a spese del contribuente

next
Articolo Successivo

Comunali Roma 2013, volantini elettorali? Candidato usa la carta intestata Ater

next