Una scossa di terremoto di magnitudo 3,8 è stata nettamente avvertita alle 7.11 nel Ferrarese. La sala operativa della Protezione civile dell’Emilia-Romagna non ha ricevuto segnalazioni di danni a persone o cose. Le località prossime all’epicentro sono i comuni di Mirabello, Vigarano Mainarda e Bondeno. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia la scossa è stata registrata a una profondità stimata intorno agli 8 chilometri.

La stessa zona ieri pomeriggio era stata attraversata da una tromba d’aria che aveva provocato 12 feriti e decine di case scoperchiate.

Diverse persone hanno telefonato ai centralini delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco per avere informazioni o per segnalare di aver avvertito la scossa, che è stata sentita distintamente anche nel Bolognese. In queste ore la Protezione civile regionale è impegnata anche a stimare i danni provocati dalla tromba d’aria che ieri pomeriggio ha colpito alcune aree del Modenese e del Bolognese.

Una seconda scossa è avvenuta a pochi minuti di distanza, le 7.37, con magnitudo 2.7. Stessa zona, profondità 9.1 km. Una terza alle 9.46, di intensità 2.2, fra il Bolognese (Galliera) e il Ferrarese (Bondeno, Mirabello, Poggio Renatico, Sant’Agostino, Vigarano Mainarda).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, De Magistris indagato per le buche stradali. “Sono sorpreso e arrabbiato”

next
Articolo Successivo

Gli studenti del San Raffaele in piazza: “Noi il futuro dell’ospedale”

next