Berlusconi dovrà continuare a pagare Veronica Lario. La corte d’appello ha infatti respinto la richiesta di sospensione dell’assegno presentato dal Cavaliere, che dovrà continuare a versare all’ex moglie i 3 milioni di euro al mese indicati dal Tribunale nella sentenza di separazione.

I giudici hanno però deciso, ritoccando il provvedimento del Tribunale, di far decorrere il versamento da quando, dopo l’estate di due anni fa, la ex first lady ha lasciato Villa Belvedere a Macherio. Per questo periodo la cifra dell’assegno mensile di Veronica è quella stabilita con la prima l’udienza della causa di separazione che si era tenuta davanti al presidente della nona sezione civile del Tribunale Gloria Servetti. Il provvedimento dei giudici della corte d’appello stabilisce dunque di far decorrere il versamento milionario da settembre 2010 almeno fino a quando sarà discusso nel merito il ricorso presentato dai legali di Berlusconi contro la sentenza di primo grado.

Berlusconi, il 19 marzo scorso aveva presentato un appello contro la decisione di prima istanza di concedere alla moglie un assegno di mantenimento pari a 36 milioni di euro l’anno. Sentenza che l’ex presidente del consiglio aveva bollato come “una decisione di tre giudichesse femministe e comuniste”. La cifra era stata stabilita lo scorso dicembre dalla nona sezione del
tribunale ed era stata ritenuta congrua dai giudici per garantire a Veronica Lario un tenore di vita analogo a quello goduto durante il matrimonio. Prima della decisione dei giudici d’appello, Veronica Lario aveva depositato una memoria, con tanto di allegati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cortina d’Ampezzo, arrestato il sindaco. “Abuso d’ufficio e violenza privata”

prev
Articolo Successivo

Expo 2015, fiumi di denaro pubblico. Ma ancora nessun progetto su cosa resterà

next