La Procura della Repubblica di Bolzano in persona del dr Igor Secco, in esecuzione del decreto di sequestro preventivo del Gip del capoluogo altoatesino Walter Pelino, ha sequestrato il 12 aprile 2013,  i portali holywar.org e holywar.tv. I portali sono accusati, fra l’altro, di incitamento all’odio razziale, etnico e religioso e  avevano pubblicato, tra le altre, due liste, una di 163  professori universitari ed un’altra  contenente i nominativi di  personalità accusate di essere ‘complici’ di Israele: tra gli italiani, direttori di giornali, editorialisti, cronisti, semiologi, filosofi, scrittori, deputati, parlamentari europei, esponenti della comunità ebraica. All’esecuzione è stata delegata la Digos del Capoluogo Altoatesino.

Il Provvedimento impone “l’inibizione all’accesso alle Url www.holywar.org, holywar.tv, ai relativi indirizzi IP statici 69.89.31.78 e 74.208.20.224, che al momento risultano associati alle Url de quo, nonché ogni altro indirizzo IP statico, eventualmente associato anche in futuro”.

L’operazione segue di qualche giorno  la richiesta che il pubblico ministero romano Luca Tescaroli  ha  fatto al termine della requisitoria del processo ai gestori del sito web Stormfront, accusati di fatti analoghi,  ed arrestati lo scorso 12 novembre.

I siti sequestrati  dalla Procura di Bolzano,  sarebbero  intestati  al norvegese Alfred Olsen, cattolico tradizionalista e sarebbero l’articolazione web di un “Movimento di Resistenza Popolare L’Alternativa Cristiana”. Il sito  fece discutere nel 2000, perché mise in rete i cognomi di 9.800 famiglie ebree italiane.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tifosi 2.0

next
Articolo Successivo

No al fenossietanolo nei cosmetici per bambini

next