Marco Bazzoni è un operaio di Firenze che, da anni, ha deciso di dedicare la sua vita, dentro e fuori la fabbrica, alla lotta per contrastare gli infortuni e le morti sul lavoro, quelle che alcuni si ostinano a chiamare “morti bianche“, quasi fossero morti inspiegabili, dovute ad un rigurgito o ad una fatalità, come spesso accade ai neonati nelle culle.

Eppure in quelle morti di fatale, spesso, c’è poco, anzi le ragioni di questa strage senza fine sono ben note e si chiamano tagli sulla sicurezza, riduzione delle spese per la prevenzione, sub appalti, contratti in nero, precarietà diffusa, smantellamento delle garanzie e dei diritti.

Contro questi abusi Marco Bazzoni (e con lui altri valorosi delegati alla sicurezza, ispettori e Medici del lavoro) ha condotto e conduce una battaglia di civiltà, contro il cinismo dominante e contro l’indifferenza crescente politica e mediatica, ovviamente sempre con le dovute eccezioni.
Nella sola giornata del 9 aprile, per fare l’ultimo esempio, sono morte 5 persone, ma non hanno fatto “neppure notizia” perché hanno avuto il torto di morire da soli, in modo isolato, senza far gruppo, senza diventare un evento da drammatizzare, capace di conquistare un titolo e un un servizio nei principali Tg.
Per loro qualche articolo in sede locale, per il resto poco o nulla, i loro nomi saranno ricordati solo nelle statistiche e nelle meritorie iniziative delle associazioni dei familiari e delle associazioni degli invalidi e mutilati del lavoro.

Per queste ragioni ci è sembrato giusto mettere in evidenza le parole di chi, come Marco Bazzoni, non si è mai arreso e continua, ogni giorno, a coltivare la memoria e a contrastare omissioni, rimozioni, indifferenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Social network, se li usi a lavoro sei più produttivo

next
Articolo Successivo

Ue, niente sussidio di disoccupazione se non sei residente

next