Una conferenza stampa senza domande, convocata questa mattina alle 10:30 davanti al Tribunale di Milano, dove Karima El Mahroug detta ‘Ruby’ ha letto un lungo comunicato, “per difendermi dai pregiudizi e da chi mi ha fatto del male per danneggiare Silvio Berlusconi”. Un’autodifesa, ha spiegato la giovane marocchina, nell’interesse di sua figlia e del suo compagno Luca. Si definisce una bugiarda, Ruby rubacuori, e mostra alla stampa, accalcata sui gradini del palazzo di Giustizia, un passaporto dove sarebbe stata falsificata la sua parentela con l’ex presidente egiziano Mubarak. “Ho detto tante bugie per sentirmi quello che non ero”, ha detto. Al termine Ruby ha distribuito copia del suo discorso, ma non ha voluto rispondere a nessuna domanda, ribadendo che parlerà solo di fronte ai giudici se le sarà permesso di testimoniare in quanto parte offesa. Una rivendicazione che punta il dito non solo contro la magistratura, ma anche contro la difesa dello stesso Berlusconi che ha rinunciato a sentirla nel corso del processo  di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa Stato-Mafia, il vuoto stretto intorno a Di Matteo

prev
Articolo Successivo

Giuseppe Uva e i due carabinieri che se la ridono

next