“Per colpire Silvio Berlusconi la stampa ha fatto del male a me”. Karima El Marough, in arte Ruby Rubacuori, ha deciso di dare la sua versione dei fatti. Sia in merito alle “cene eleganti” di Arcore con il Cavaliere, sia sulla vicenda giudiziaria che ne è scaturita. E lo ha fatto a favore di telecamera, con una protesta (annunciata dal suo ‘staff’ due giorni fa) davanti al tribunale di Milano. La ragazza marocchina chiede di esser ascoltata dai magistrati: “Non sono una prostituta, devono ascoltarmi. Non ho mai avuto rapporti sessuali a pagamento e non li ho mai avuti con Berlusconi”. La marocchina ha precisato che nessuno ha voluto ascoltare la sua verità, “l’unica possibile”.

Poi la ragazza ha difeso il Cavaliere: “Oggi ho capito che è in corso una guerra contro Berlusconi e io ne sono rimasta coinvolta, ma non voglio che la mia vita venga distrutta”. La ragazza ha spiegato di aver subito una “violenza psicologica” da parte dei magistrati. E sulla stampa dice: “Mi ha fatto male. Parlo di quei giornalisti che mi hanno violentato pubblicando le intercettazioni telefoniche che mi riguardavano. Le stesse persone che manipolando la verità mi hanno trasformato in quella che non sono: una prostituta”. 

Ammette di non avere sempre raccontato la verità ma rivendica la necessità di essere sentita: “Ho capito che la decisione dei Giudici di Milano e dei difensori di Silvio Berlusconi di non ascoltarmi come teste mi ha danneggiato”. A proposito della sua identità dice: “Mi dispiace per aver mentito anche sulla parentela con Mubarak e di aver detto altre bugie sulle mie origini, ho giocato di fantasia perché il vecchio passaporto me lo ha permesso. Presentarmi come la nipote di Mubarak mi serviva a costruire una vita parallela, diversa dalla mia”.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Idi, arrestato padre Franco Decaminada. ‘Ha sottratto 4 milioni di euro’

next
Articolo Successivo

Giuseppe Uva e i due carabinieri che se la ridono

next