Le forze armate nordcoreane sono in “assetto da combattimento”. Con i missili puntati contro gli Stati Uniti. Lo riporta l’agenzia ufficiale Kcna, secondo cui l’obiettivo sono “le basi Usa continentali, delle Hawaii e di Guam”. Le forze armate del Nord sono pronte a entrare in azione, mentre le unità di artiglieria con i razzi a lungo raggio sono pronte “al tiro”.

Quella della Corea del Nord è una minaccia che arriva dopo i test nucleari compiuti il mese scorso e dopo gli altri avvertimenti lanciati contro gli Stati Uniti, secondo Pyongyang responsabili di voler innescare “una guerra nucleare”. E contro la Corea del Sud, dove da giorni sono iniziate manovre militari congiunte con le forze americane. “Una provocazione”, le ha bollate il regime di Kim Jong-un, che due settimane fa ha dichiarato nullo l’armistizio del 1953 con Seul, annunciando che è arrivato il momento della “battaglia finale”.

E ora la tensione tra Pyongyang e Washington sale ancora di più. Da questo momento, riporta infatti la Kcna, “il Comando supremo dell’Esercito popolare di Corea è in posizione da combattimento così come le unità di artiglieria a lungo raggio, incluse quelle strategiche con i razzi a lungo raggio che hanno per obiettivo tutti i target nemici negli Usa, come le basi continentali, delle Hawaii e di Guam”. Intanto la Cina invita ”tutte le parti in causa” a esercitare “la moderazione”. La richiesta, non nuova per Pechino, è stata fatta dal portavoce governativo Hong Lei poco dopo le nuove dichiarazioni bellicose di Pyongyang.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Madrid, il sindaco ‘riqualifica’ Puerta del Sol. Gli indignados: “Ci vogliono sfrattare”

prev
Articolo Successivo

Matrimoni gay, divieto al vaglio della Corte Suprema Usa

next