“Chi entra nella giungla delle sei corde non ne esce vivo”, scrisse su un pezzo di carta un gitano a Barcellona. Quel pezzo di carta era per Alessandro Mannarino. Leggenda o realtà, così la racconta il cantautore romano, nonché blogger di questo sito, che ieri sera  – insieme ai musicisti Fausto Mesolella, Tony Canto e Alessandro Chimienti – ha fatto cantare e ballare, con i limiti imposti da galleria e platea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, almeno 2500 persone, con i suoi ormai “classici” accompagnati soltanto dalle chitarre.

Mannarino è capace di mettere d’accordo adolescenti e adulti. Così capita di vedere soffrire (perché vorrebbero alzarsi per ballare quando scatta il ritornello – “Osso di seppia vai non tornare, c’è una città in fondo al mare, dove i diamanti non valgono niente…” ) due ragazzini, e soffrire con loro i genitori che li hanno accompagnati e allo stesso modo cantano: “Me so’ ‘mbriacato de ‘na donna, quanto è bbono l’odore della gonna, quanto è bbono l’odore der mare, ce vado de notte a cercà le parole”.

Potenza di un ragazzo di periferia che quest’estate abbiamo visto riempire il Foro Italico, dopo aver incantato al concertone del Primo maggio e alla festa del Fatto al Fuori Orario (Taneto di Gattatico, Reggio Emilia). Adesso aspettiamo il terzo album e magari un bel concerto all’Olimpico. Daje Alessà.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonio Tabucchi, Tristano e la scrittura asciutta

next
Articolo Successivo

Antonio Tabucchi, a un anno dalla morte una lezione sempre attuale

next