Voglio essere valutato dai miei unici datori di lavoro: i bambini. E voglio poter valutare chi decide sulla mia testa e su quella dei bambini: il ministro dell’Istruzione. In questi giorni si è tornato a parlare di valutazione degli insegnati, del personale Ata e delle scuole.

Prima di andarsene il ministro Francesco Profumo ha fatto approvare dal Consiglio dei ministri in scadenza, un provvedimento che dall’anno prossimo obbligherà le scuole a un’autovalutazione, controllata da nuclei esterni, ai fini del miglioramento del funzionamento delle scuole.

Chiariamo subito: chi scrive è del parere che in Italia serve che gli insegnanti siano valutati. In questi anni ho visto ragazzini che venivano a scuola annoiati, depressi, tristi a causa di docenti che non avevano passione per il proprio mestiere. Non solo: ho visto insegnanti che non sapevano nemmeno accendere un computer, non leggevano un solo libro in un anno. Eppure con i quaderni ereditati da anno in anno, facevano splendide lezioni.

Il problema è che oggi il ministro ha messo in piedi un sistema di valutazione senza pensare che prima ancora è necessaria una formazione a 360 gradi per tutti i docenti, compreso il maestro Corlazzoli che volentieri farebbe un corso (nelle ore scolastiche o a pagamento) sulla didattica 2.0, sulla psicopedagogia o su altro ancora.

Il primo passo per le scuole sarà l’autovalutazione d’istituto.

Gli indicatori su cui compilare il rapporto saranno predisposti dall’Invalsi e saranno uguali per tutte le scuole italiane. L’Istituto definirà gli indicatori di efficienza a cui le scuole e i loro dirigenti dovranno rispondere. Una vera assurdità: basta andare alla scuola “Falcone” del quartiere Zen di Palermo per capire che gli sforzi del dirigente e dei docenti, in quel posto, sono diversi da quelli che posso compiere io in una scuola di campagna. Rendere omogenei gli indicatori significa non avere presente le differenze e i contesti diversi di quest’Italia.

Ecco perché, anche se può sembrare rivoluzionario, l’unico vero indicatore dovrebbero essere i bambini. I miei alunni più piccoli, che pur vedendo i miei sforzi intuiscono la mia inadeguatezza a stare con le classi prime e seconde, mi darebbero un bel 6 o 5. Mentre i più grandi mi promuoverebbero con lode. Questi giudizi nelle mani di un bravo dirigente servirebbero a valutare le risorse presenti, a impostare percorsi di formazione.

Ma facciamo un passo in più: chi valuterà i valutatori? I ministri passano indenni nella storia della Repubblica. Sono nominati e non votati. Abbiamo avuto ministri dell’Istruzione che non avevano mai lavorato nella scuola: al di là delle proteste per i loro assurdi provvedimenti, non abbiamo potuto fare nulla. Valutare un ministro dovrebbe essere compito dei dirigenti e degli insegnanti: potrebbe essere fatta online o se preferite potrebbe essere una commissione ad hoc, nazionale, composta da personale Ata, dirigenti e insegnanti. Son sicuro che ne vedremmo di belle.

Ps: poiché l’argomento sulla valutazione esige un dibattito serio, invito i miei consueti appassionati detrattori a non scrivere il solito “lei è stato bocciato al concorsone…..” perciò non può parlare di valutazione… sono stato abilitato da un concorso fatto nel 1999, mi spiace per voi.  

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, piovono risarcimenti per i precari. E il Miur rischia l’indebitamento

next
Articolo Successivo

Miur e disabili, circolari troppo silenziose

next