A prima vista, le cose che colpiscono sono due: primo, un voto (o un non-voto) decisamente di svolta; secondo, in tutta la campagna elettorale non s’è mai parlato né d’operai né d’immigrati. Strano: il caso Fiat, con la totale ristrutturazione dell’assetto industriale, è stato l’avvenimento più importante (un vero e proprio golpe sociale) dell’anno; e sulla paura degli immigrati hanno campato per anni tutti i peggiori politici, e anche qualcuno dei migliori. Puff, spariti.
Non s’è parlato di mafia, che pure è forse il massimo potere. Non s’è parlato di società civile, salvo che per un paio di giorni e alla buona. Non s’è parlato di Europa, salvo che per farne un babau, in bene o in male.
Con tutto ciò, il popolo ha parlato con estrema chiarezza: cambiare profondamente, senza mezze misure. Su questo si misura la politica, non sulle manovrette e le ripicche. Ci vuole un governo popolare, e ci può essere, che prenda i provvedimenti più essenziali per salvarci tutti. Mafia e Fiat, assenti dai programmi sia di Bersani che di Grillo, ci debbono entrare.
Attenzione: dum Romae consulitur, il quarto partito si muove. L’attentato di Napoli ne è un segnale. La manifestazione contro i giudici del 23, nata “politica” ma facilmente trasformabile in mobilitazione della malavita, potrebbe esserne un altro.
La struttura di Berlusconi va spazzata via esemplarmente e per sempre, e ciò è possibile ora. Sarebbe irresponsabile usarla per “bilanciare” degli avversari politici, in qualunque modo.
 
* * *
Mentre i capi litigano e si scambiano ripicche, il popolo guarda la sua grande occasione. C’è una maggioranza di sinistra in Italia, spartita fra “ragionevoli” e “matti”, ma che vuole sostanzialmente le stesse cose. Ce la facciamo per una volta a unirci, a cancellare definitivamente le idee di Berlusconi, a chiudere vent’anni di dominio assoluto dei peggiori “imprenditori” e a rimettere sulle sue gambe questo paese?
Articolo 41. “L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali”.
 Proviamo a prendere sul serio la Costituzione antifascista, ad applicarla letteralmente e senza guardare in faccia nessuno? E’ l’unica soluzione possibile. E ora, uniti, si può.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Il Pd replica a Renzi: “Finanziamento pubblico? E’ già negli otto punti”

next
Articolo Successivo

Puppato al M5S: “Un blog per trovare intesa e governo di un anno”

next