Un blog gestito da Partito Democratico e Movimento 5 Stelle per trovare una intesa e “una fiducia a tempo, per un anno” per costruire un governo programmatico, non necessariamente sugli otto punti proposti da Bersani. E’ la proposta lanciata dalla neo senatrice del Pd, Laura Puppato, in un’intervista al Corriere del Veneto. La senatrice, indicata da alcuni come una delle mediatrici tra i due partiti in vista delle prossime scadenze istituzionali, ha dichiarato: “Apriamo un blog. Costruiamo una piattaforma virtuale su cui Pd e Movimento 5 Stelle possano dialogare mettendo in comune le loro esperienze e competenze. Con tre livelli: obiettivi, tempi per realizzarlo e finanziamenti”.

Quanto ai tempi, la senatrice del Pd non pensa a un orizzonte di cinque anni: “Sarebbe già una vittoria convincere Grillo a darci una fiducia a tempo, diciamo per un anno. Costruiamo insieme un governo programmatico, con un elenco di priorità stringato ma chiaro e, dopo un anno, facciamo un check e vediamo come è andata”. E il punto di partenza non devono necessariamente essere gli otto punti del programma lanciato da Bersani. “Quei punti hanno molti, troppi sottotitoli e mi sembrano più adatti a un governo quinquennale che a un esecutivo di emergenza quale è quello di cui abbiamo bisogno. Qui ci vogliono soluzioni rapide e immediate”.

La premiership? “Bersani è il nostro premier”, ha sottolineato Puppato, “ma resta da vedere se lo sia anche del Movimento 5 stelle. Al di là di chi guiderà l’esecutivo penso che si dovranno trovare in ogni caso delle personalità di alto profilo fuori dai partiti, provenienti dalla società civile e dal mondo della cultura e dell’economia in grado di fare da trait d’union tra le due sponde”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2013. E ora… facciamo gli italiani

next
Articolo Successivo

Elezioni 2013, la democrazia tra polli e tacchini

next