Assalto dei cronisti all’Hotel Saint John di Roma per il primo meeting degli eletti del Movimento 5 Stelle. I neo-parlamentari arrivano alla spicciolata e, chi più chi meno, tutti rispettano la regola del silenzio imposta loro da Beppe Grillo. Come Marta Grande, eletta nel Lazio e considerata dai più come papabile presidente della Camera dei deputati, che sfugge a ogni domanda e tira dritto guadagnando la hall dell’albergo. Più spigliato Marco Baldassarre, ex operaio eletto in Toscana: “Siamo qui per conoscerci. Grillo? Forse arriverà domani”. Ma le domande sono altre e riguardano l’immediato futuro politico: se ci sarà un governissimo e quale sarà l’atteggiamento del movimento di Grillo in Parlamento. “Questo stallo sta giovando tantissimo all’Italia e soprattutto al Partito democratico – si lascia sfuggire Riccardo Fraccaro, eletto in Trentino Alto Adige – E’ in atto un processo di rinnovamento molto interessante e noi siamo gli agenti di questo cambiamento” di Lorenzo Galeazzi e Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

FattoTv, risiko Pd-M5S tra premier e alleanze. Riguarda lo speciale con Fassina

next
Articolo Successivo

M5S, neodeputati in Parlamento: “C’è tanto lavoro da fare”

next