Alessio Gatti, figlio di 23 anni di Franco Gatti, il cantante coi baffi dei Ricchi e Poveri, è stato trovato morto oggi nella sua abitazione di via Capolungo a Nervi, nel levante di Genova. In base ai primi accertamenti, secondo quanto riferito dall’Ansa, il decesso sarebbe da ricondurre ad un’overdose di stupefacenti, presumibilmente di cocaina. Il corpo senza vita è stato rinvenuto dai vigili del fuoco chiamati da una vicina che ha visto il ragazzo a terra da una finestra.

Salta quindi la partecipazione del gruppo, in veste di superospiti, al Festival di Sanremo prevista per oggi. Lo ha annunciato Fabio Fazio, ad inizio conferenza stampa: “Mi ha appena telefonato Angelo dei Ricchi e Poveri per dirmi che è mancato il figlio di Franco Gatti, un ragazzo di 23 anni. E quindi ovviamente stasera non ci saranno”.

La procura di Genova ha intanto aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti. Il procuratore Michele Di Lecce riferisce che la salma sarà trasferita presso l’istituto di medicina legale dell’ospedale San Martino per l’autopsia. Gli uomini della scientifica hanno effettuato i rilevamenti nell’appartamento dove si è consumata la tragedia.

Il manger storico dei Ricchi e Poveri, Giorgio Tani, ha voluto precisare in una nota che “il figlio di Franco non ha mai fatto uso di sostanze stupefacenti. I genitori stanno rientrando a casa per capire cosa è successo”. Anche il padre Franco Gatti ha negato che si sia trattato di droga: “Mio figlio fin da piccolo aveva il terrore della droga che gli avevo inculcato io nella testa quindi sicuramente non è morto di overdose. Sono abbastanza disperato, ma cerco di tener dentro il mio dolore e non vorrei che fosse infangata la memoria di mio figlio. Non era uno che si drogava aveva molte idee, era un estroverso. Era anche una testa di cazzo, per usare un termine francese, però non era un drogato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanremo 2013, il programma e la scaletta della prima serata

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2013, programma e scaletta della seconda serata

next