C’è chi crede che il 24 febbraio si vada a votare. In realtà circa 85% dei parlamentari è già stato eletto. Gli italiani sono stati espropriati dal diritto di scegliere il proprio candidato da una legge che delega ai partiti la scelta. Ciò significa che il voto andrà a determinare solo quella piccola percentuale di indecisione. «Ma come mai il candidato fa così poca campagna elettorale?». Ho ingenuamente chiesto a una persona nello staff di un candidato alla Camera. «Tanto è già eletto». È stata la risposta. In Emilia-Romagna poi, dove il risultato non è in bilico, sono già quasi tutti eletti. E allora che significato ha il voto?

La scelta del cittadino è ridotta a una “X”, come facevano una volta gli analfabeti per firmare. Non un voto, ma una croce su un logo, la scelta di un “brand”. Stai votando per Ingroia o per Di Pietro? Per Bersani o per Renzi? Per Monti o per Fini? Per Meloni o La Russa? Cosa importa? Delega.

Il PD e Sel hanno addolcito la morte del voto con le primarie, che non sostituiscono però una vera preferenza in cabina elettorale. Il più bizzarro è il Movimento 5 Stelle di cui non si sa praticamente nulla di nessun candidato. C’è una lista di anonimi nomi, di cui, a parte qualche attivista, nessuno sa nulla. Il pizzaiolo, la casalinga, il postino… Ma chi sono? Non parliamo del PdL che notoriamente è stato il primo sponsor di questa truffa elettorale che gli permette scegliere dei dottor “sì presidente”, senza imprevisti di libertà d’opinione.

La legge vergogna, il porcellum che tutti volevano cambiare è rimasta, perché in fondo fa comodo a tutti avere dei fedelissimi. Minimizzare i rischi. Che fine ha fatto la democrazia che l’Italia si è guadagnata dopo anni di dittatura? «I politici non sono tutti uguali» ripetono giustamente alcuni politici. È vero, verissimo. Non si può dire che Enrico Berlinguer e Domenico Scilipoti siano della stessa pasta. Peccato che sono stati proprio i politici, con questa legge che tratta gli italiani da analfabeti, a rendersi tutti uguali davanti al voto annullando la scelta dei cittadini, sostituendo il voto democratico con una delega. Allora diciamo le cose come stanno il 24 febbraio non si va a “votare”, si va a “delegare il voto” al logo che preferiamo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bersani: “Berlusconi tratta le donne come bambole gonfiabili”

next
Articolo Successivo

La Destra, celtica ai gazebo: via le liste fasciste dalle elezioni

next