Spotify debutterà in Italia in concomitanza con il Festival di Sanremo 2013. Si tratta di un servizio di musica on-demand in streaming, nato nel 2008 in Scandinavia e già presente in 17 paesi. La piattaforma conta oltre 20 milioni di utenti attivi, di cui 5 abbonati, e permette di ascoltare le canzoni da computer, tablet e smartphone.

Tutti i brani in concorso alla kermesse festivaliera saranno disponibili gratuitamente sulla piattaforma (48 ore dopo le esibizioni dei cantanti sul palco dell’Ariston), così come gli album dei cantanti in gara che usciranno in quei giorni.

Spotify è totalmente legale, tutti gli artisti presenti sulla piattaforma vengono pagati per lo streaming della loro musica in base al numero degli ascolti dei brani. Gli utenti potranno accedere gratuitamente al catalogo delle canzoni e ascoltarle in streaming fino a 10 ore al mese con spot pubblicitari. Con l’abbonamento unlimited, da 4,99 euro mensili, non vi saranno limiti di tempo nè pubblicità. Con l’abbonamento premium, che costa 9,99 euro al mese, si potranno scaricare gratuitamente i brani e riprodurli offline su computer, tablet e smartphone. Una volta scaduto l’abbonamento, i brani non potranno più essere riprodotti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rock Files, 500 storie che hanno fatto la storia del Rock

next
Articolo Successivo

Marco Iacampo: “Valetudo”, il suo disco da solista

next