Continua il braccio di ferro tra i magistrati di Taranto, governo e gruppo Riva. Anche il gip del tribunale di Taranto Patrizia Todisco invia gli atti alla Consulta relativamente alla cosiddetta legge “salva Ilva”, il decreto del governo che ha consentito la ripresa dell’attività dell‘impianto siderurgico che era stato sequestrato lo scorso luglio (nella parte relativa all’area a caldo). Niente da fare, dunque, per il dissequestro dei prodotti dell’azienda, dopo la decisione del Tribunale dell’Appello quello del giudice per le indagini preliminari era l’altro pronunciamento atteso. Solo ieri il presidente dell’Ilva Bruno Ferrante, nel corso di un incontro con i sindacati, aveva dichiarato che in mancanza del dissequestro l’impianto era a rischio chiusura. 

“La situazione di Taranto è drammatica. Stiamo lavorando in perdita. Con 17mila tonnellate al giorno di produzione di acciaio e tre soli altiforni in marcia, ma soprattutto senza la possibilità di fatturare quanto abbiamo già prodotto nei mesi scorsi, non c’è futuro per l’azienda”. Ferrante aveva aggiunto che nella riunione di venerdì a Palazzo Chigi l’azienda aveva anche prospettato la possibilità di ricorrere alla cassa integrazione a Taranto, “ma si tratterebbe – ha puntualizzato ieri Ferrante – di una misura provvisoria legata soprattutto alla ripartenza degli impianti e ai lavori di messa a norma ambientale che devono essere fatti sugli impianti dell’area a caldo”.

Oggi Ferrante, annuncia in una nota di aver presentato un’istanza alla Procura della Repubblica di Taranto “con la quale chiede la revoca del provvedimento di sequestro preventivo disposto in data 22 novembre 2012, con l’impegno di destinare le somme ricavate dalla commercializzazione del prodotto sequestrato alle opere di ambientalizzazione previste dall’Aia, alla remunerazione delle maestranze e a quanto altro necessario per la sopravvivenza dell’azienda. Il garante nominato dal governo per l’attuazione dell’Aia – conclude Ferrante – avrà a disposizione i più ampi poteri per verificare il rispetto degli impegni da parte dell’azienda”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Piove sul carbone: a Brindisi l’Enel rischia il buio. Ma il rimedio è fuorilegge

prev
Articolo Successivo

Reati contro i No Tav? Quelli non fanno notizia

next