Termina in un nulla di fatto l’apparizione della giovane Karima El Marough, oggi in Tribunale a Milano per testimoniare nel processo a carico di Silvio Berlusconi, imputato di concussione e prostituzione minorile. Dopo la camera di consiglio di quattro ore che ha respinto la richiesta di sospensione del Cavaliere per motivi elettorali, Ruby avrebbe dovuto essere sentita come teste della difesa. La giovane marocchina si è detta invece molto stupita, riferisce il suo avvocato Paola Boccardi, per non essere stata sentita dopo un’intera giornata di attesa. La difesa ha infatti rinunciato al suo teste. D’accordo l’accusa che vi aveva già rinunciato. Così, nel processo che porta il suo nome, proprio Ruby non dirà una parola. Visibilmente contrariata – non è bastato nemeno il baciamano dell’avvocato Niccolò Ghedini all’uscita dall’aula per rasserenarla – ha prima discusso con i suoi rappresentanti per poi allontanarsi negandosi ai microfoni della stampa. A difenderla sbarrando la strada, il suo compagno Luco Risso, rimasto accanto a lei per tutto il giorno  di Franz Baraggino

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trattativa Stato-mafia, nessuna verità a vent’anni dalla morte di Beppe Alfano

next
Articolo Successivo

Napoli, ritardi della giustizia? Sì, ma a pagamento. In manette 25 persone

next