Ricordate Santo Nicola e la sua battaglia contro lo scempio del riso patate e cozze (o meglio risopatatecozze, tutto attaccato) operato dallo chef Tv Alessandro Borghese? Puntarella Rossa non lascia e, anzi, raddoppia partorendo un’iniziativa che nel prossimo weekend permetterà di accoppiare una serata divertente al nobile scopo di preservare uno dei piatti tipici della cucina pugliese. 

Sabato 15 dicembre a Roma, presso la Locanda Atlantide (via dei Lucani 22, San Lorenzo), l’appuntamento è con “Musica per le tue orecchiette”, serata memorabile in cui ballare, mangiare e naturalmente difendere la purezza del piatto dai tentativi di corruzione del piatto ad opera dei media nazionali ed internazionali. All’ingresso, dato che il periodo pre-elettorale è propizio, verrà distribuita copia del primo, fondamentale, manifesto “Risopatatecozze bene comune” con l’unica vera, introvabile ricetta del piatto recuperata da uno chef di Barivecchia. L’evento è organizzato dal collettivo pugliese “Cime di rave” (che da due anni porta in giro per l’Europa le sue feste) e sarà preceduto da un aperitivo presso il ristorante Soul Kitchen, a pochi metri dalla Locanda Atlantide, in via dei Sabelli 193. Il programma si apre alle 22 con la presentazione di ‘Non cresce l’erba’, la storia del calcio-scommesse a cura della Dinamo Film. Spazio poi alla musica con i live di Kid, già gruppo spalla di Caparezza ed autori della colonna sonora di ‘Non cresce l’erba’ e Camilloré. Dall’una – poi- il dj set Cime di Rave.

Perché una seria battaglia culinaria può pure finire in gloria. 

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bevi birra e ti salvi dal raffreddore: l’ultima trovata made in Japan

prev
Articolo Successivo

Natale 2012, un cenone da 155.000 euro. Alla faccia della crisi

next