Più essere, meno avere, scegliendo un’evoluzione che tenga conto del limite delle risorse, alla ricerca dell’essenziale. È questo il messaggio di “menopermenofapiù”, iniziativa dedicata a bambini e ragazzi fra i 5 anni e i 29 anni  che parteciperanno alla settima edizione del Premio Giornalisti nell’erba, concorso di giornalismo ambientale per giovani e giovanissimi che, da quest’anno, diventa ancora più internazionale, vista la possibilità di portare testi in inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Giornalisti Nell’Erba (gNe), nato nel settembre del 2006 da un’idea della giornalista Paola Bolaffio, non si limita a insegnare ai più giovani il giornalismo ambientale, ma include anche formazione, eventi, laboratorio permanente e giornale online, ovviamente fatto dai ragazzi. Il successo di questo progetto ha dell’incredibile: dai 50 partecipanti del primo anno, si è passati a 150 il secondo, fino ad arrivare agli oltre 5000 gNe in tutta Italia. Il progetto raggiunge oggi un milione di utenti, tra bambini e ragazzi, con scuole, centri sportivi, famiglie, agenzie educative, associazioni, enti e molti altri soggetti compresi fra i 36mila contatti della sua rete.

Quest’ottima iniziativa, promossa dall’associazione Il Refuso, vanta partnership di un certo livello, comprese quella dell’Ordine nazionale dei Giornalisti, della Fnsi e della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea; ma anche dell’Agenzia Ansa e della European Space Agency. Ottenuti i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica e del ministero dell’Ambiente, il progetto “sollecita il riconoscimento, l’adesione e la partecipazione delle istituzioni scolastiche, educative e formative di ogni ordine e grado del nostro Paese”.

Il Premio è aperto a singoli, gruppi e classi. Nel regolamento sono previste quattro fasce d’età, all’interno delle quali vi sono varie sezioni di gara. Gli elaborati vengono valutati da una giuria composta da direttori di testate giornalistiche nazionali, giornalisti inviati, caporedattori, ricercatori, esperti d’ambiente, scrittori che esaminano le opere e attribuiscono a ciascuna voti da 0 a 20.  Vengono premiati  i 3 elaborati di ogni sezione di gara, in ciascuna fascia, che hanno ottenuto la media più alta. Il progetto si chiuderà con la Giornata Nazionale dei “giornalisti Nell’erba” (gNe),  a fine maggio del prossimo anno.

Il 6 dicembre, alle ore11:30, con Giornalisti Nell’Erba in Europa si terrà a Roma, in via IV Novembre 149 presso lo Spazio Europa, la conferenza stampa “gNe7 Per Meglio Dire Ambiente“: un incontro in cui sarà possibile parlare di informazione sul web e giornalismo digitale in Europa, ambiente e decrescita, green job ed opportunità di formazione e lavoro fornite dal settore ambientale.

Del resto, si fa un gran parlare delle generazioni che verranno, e visto che i giovani sono il domani, tanto vale puntare e investire su di loro. Anche nel campo della comunicazione. Insegnandogli però un dettaglio sfuggito ai loro padri e ai loro nonni: il più non coincide necessariamente con il meglio.

Per maggiori info e iscrizioni:
giornalistinellerba.org

@AndreaBertaglio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bersani, l’Ilva e il vecchio industrialismo

next
Articolo Successivo

La casa ecologica conviene

next