Il governo ha firmato il provvedimento con il quale vengono messi a disposizione della regione Sardegna i primi 38 milioni di euro del totale delle risorse assegnate al Piano per il Sulcis, pari a 127,7 milioni.

Dopo le polemiche di questi mesi che hanno portato gli operai a occupare la miniera Carbosulcis e dopo la rassicurazione da parte dell’esecutivo di non chiuderla entro la fine del 2012, si tratta del primo degli impegni presi dal governo nell’incontro tenuto nel Sulcis il 13 novembre, data della firma del Protocollo d’intesa “per la definizione di obiettivi e condizioni generali di sviluppo e l’attuazione dei relativi programmi nel Sulcis-Iglesiente”. E’ quanto si legge in una nota del Ministero della Coesione. Il finanziamento servirà per attuare tre interventi condivisi dalle amministrazioni centrali e dalla regione: portualità di Portovesme (7 milioni), area franca di Portovesme (1 milione), allargamento SS Carbonia – S. Giovanni Suergiu – Giba (30 milioni). “Con il provvedimento, inoltre, viene stabilito – si legge ancora nella nota – che le ulteriori risorse saranno messe a disposizione con successivi e tempestivi provvedimenti”. 

Nel frattempo è stato sottoscritto al ministero dello Sviluppo economico il protocollo d’intesa che fissa un percorso condiviso con Rusal per la ripresa produttiva di Eurallumina, l’impianto di Portovesme fermo da oltre tre anni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il libro che stai leggendo è pieno di precarietà. Con la riforma Fornero è peggio

next
Articolo Successivo

La Fornero tra frittate & salamelecchi

next