spose-damasco-pacifiste SiriaVi ricordate Rima Dali? La pacifista siriana che si presentò qualche mese fa sotto un palazzo del governo, mostrando uno striscione con la scritta “Stop alle uccisioni. Vogliamo costruire un paese per tutti i siriani”.

Quel gesto le costò un breve soggiorno nel carcere, per poi essere liberata. Oggi Rima Dali, Rou’a Jaafar, le sorelle Kinda e Loubna Za’our si sono presentate vestite da spose nel Suk Hamidiye, in pieno centro a Damasco, e hanno mostrato dei cartelloni rossi con scritti slogan come “siamo tutti siriani”, “siamo siriani al 100%”, “Noi siamo stanchi e voi anche. La società civile sta chiede la fine delle operazioni militari”.

Le ‘spose’ sono state tutte arrestate dalle autorità e, per il momento, non si hanno loro notizie. Il gesto di queste ragazze rappresenta la voce di una società civile presente e cosciente di quello che nel paese sta accadendo. Il movimento pacifista, nonostante tutto, sopravvive e, a distanza di quasi due anni dall’inizio della rivoluzione, rialza la testa mostrando quella vitalità che lo ha contraddistinto. Speriamo che le ‘spose di Damasco0 tornino a sorprenderci.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi Gaza, Israele e Hamas annunciano l’accordo. Egitto “garante” della tregua

next
Articolo Successivo

Gaza e il cronometro della pace

next