I carabinieri le hanno filmate mentre facevano insieme la spesa al supermercato, ma in realtà risultavano in servizio. Si trovano ora agli arresti domiciliari insieme a altre tre persone per truffa aggravata ai danni dello Stato. Sono una dottoressa, due infermieri e due impiegati amministrativi dell’Asl di Foggia.

Timbravano il badge risultando regolarmente al lavoro e poi si assentavano senza alcuna autorizzazione per andare a fare la spesa o a mettere benzina. I carabinieri di Foggia, tramite attività di osservazione e riprese video, hanno accertato che i cinque dipendenti anticipavano o posticipavano l’ingresso o l’uscita rispetto agli orari registrati nell’apparecchio marcatempo, facendosi anche timbrare il badge da qualche collega compiacente. Quattro di loro lavoravano al poliambulatorio di Deliceto mentre la quinta al centro di riabilitazione della Asl di Foggia. Quest’ultima, la dottoressa, addirittura registrava l’ingresso e l’uscita presso il poliambulatorio di Deliceto anzichè a Foggia dove era impiegata, facendo così risultare la sua presenza in ufficio in un orario in cui si trovava ancora o era già arrivata nella cittadina dove risiede. Gli episodi risalgono al periodo marzo-maggio 2012, ma per uno degli arrestati anche ad ottobre 2010.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sequestro Spinelli, per pm riscatto da 8 milioni. Il gip: “Ricostruzione coerente”

prev
Articolo Successivo

Assisi, ditta di informatica non dichiara nulla e evade per 300mila euro

next