Dopo quattro giorni l’offensiva israeliana, chiamata “Colonna di difesa”, ha portato a 38 morti palestinesi e 3 israeliani. Nel 2008 l’operazione piombo fuso portò alla morte di 1444 palestinesi, contro i 13 israeliani. Le cose si devono chiamare per il loro nome, senza entrare nelle cause e nella complessità della questione mediorientale, basta riflettere sui numeri per capire che non si tratta né di una guerra, né un’autodifesa ma di un vero e proprio “genocidio”.

L’appoggio incondizionate di Obama al governo israeliano, così come il silenzio della comunità europea è scandaloso. L’America come sempre cambia colore ma non la sostanza! “Evidentemente gli israeliani – ricorda il premio nobel José Saramago – non hanno imparato molto dalla sofferenza dei loro genitori e dei loro nonni. Quello che sta accadendo in Palestina è un crimine che possiamo paragonare agli orrori di Auschwitz”. 

 

 

 

 

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Egitto, treno travolge scuolabus: morti 47 bambini

next
Articolo Successivo

La Francia sull’orlo della crisi tra promesse e realtà

next