Che suono hanno i nostri pensieri? Qualcuno lo sa perché è stata rivelata la colonna sonora del cervello umano. Un team di ricercatori coordinato da Jing Lu della University of Electronic Science and Technology of China ha combinato e tradotto due tipologie di onde cerebrali in musica, creando la prima l’intonazione e la durata di una nota attraverso l’elettroencefalografia e il controllo dell’intensità della musica attraverso la risonanza magnetica funzionale.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista ‘Plos One’. La ricerca rivela un’inedita colonna sonora delle onde cerebrali del cervello, un metodo per riflettere in musica i processi fisiologici del cervello. Il traguardo è il risultato ottimizzato delle scoperte effettuate precedentemente dallo stesso gruppo di ricerca che ha descritto come le ampiezze e le forme d’onda dell’elettroencefalografia possono essere convertite in musica. Questo nuovo studio utilizza l’elettroencefalografia e la risonanza magnetica funzionale simultaneamente per rappresentare al meglio l’attività del cervello in note musicali. Secondo i ricercatori questa musica cerebrale “interpreta artisticamente il lavoro del cervello, sviluppando una piattaforma creativa dove scienziati e artisti possono incontrarsi per comprendere meglio i link tra la musica e il cervello umano”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un genio di nome Peter Gabriel

next
Articolo Successivo

Baez, Dylan e Cohen: l’arte senza rimpianti

next