Che suono hanno i nostri pensieri? Qualcuno lo sa perché è stata rivelata la colonna sonora del cervello umano. Un team di ricercatori coordinato da Jing Lu della University of Electronic Science and Technology of China ha combinato e tradotto due tipologie di onde cerebrali in musica, creando la prima l’intonazione e la durata di una nota attraverso l’elettroencefalografia e il controllo dell’intensità della musica attraverso la risonanza magnetica funzionale.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista ‘Plos One’. La ricerca rivela un’inedita colonna sonora delle onde cerebrali del cervello, un metodo per riflettere in musica i processi fisiologici del cervello. Il traguardo è il risultato ottimizzato delle scoperte effettuate precedentemente dallo stesso gruppo di ricerca che ha descritto come le ampiezze e le forme d’onda dell’elettroencefalografia possono essere convertite in musica. Questo nuovo studio utilizza l’elettroencefalografia e la risonanza magnetica funzionale simultaneamente per rappresentare al meglio l’attività del cervello in note musicali. Secondo i ricercatori questa musica cerebrale “interpreta artisticamente il lavoro del cervello, sviluppando una piattaforma creativa dove scienziati e artisti possono incontrarsi per comprendere meglio i link tra la musica e il cervello umano”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Un genio di nome Peter Gabriel

prev
Articolo Successivo

Baez, Dylan e Cohen: l’arte senza rimpianti

next