Almeno 48 morti, 100 dispersi e 155 feriti. Si aggrava di ora in ora il bilancio del terremoto, durato circa 30 secondi, che nella mattinata di ieri, alle 10.35 ora locale, ha scosso il Guatemala, dove almeno 76 mila persone sono rimaste senza elettricità. Proprio l’alto numero dei dispersi fa temere che il bilancio finale delle vittime possa peggiorare. La magnitudo è stata superiore ai 7 gradi Richter e l’epicentro è stato localizzato al largo delle coste dell’Oceano Pacifico, 45 km a sud della località di Champerico e 191 km a ovest-sudovest della capitale, Città del Guatemala. Il sisma ha scatenato il panico non solo a città del Guatemala ma anche a Città del Messico, dove le autorità hanno ordinato l’evacuazione di numerosi edifici, ma è stato sentito anche nel vicino El Salvador. Le immagini diffuse dai social network sono impressionanti, con intere strade sommerse dai detriti. Il sisma, per fortuna, ha generato solo una piccola onda anomala, inferiore ad un metro, tanto che i centri di monitoraggio non hanno lanciato alcuna allerta tsunami

Era dal 1976 che non si registrava un sisma di così forte intensità: in quell’occasione i morti furono 25.000. Il presidente Otto Perez Molina non ha nascosto che la situazione “rischiava di aggravarsi” proprio per quel che riguarda i morti e i ‘desaparecidos’, ordinando “la sospensione delle attività pubbliche”. In tutto il territorio nazionale è stato imposto “l’allarme rosso” annunciato dal capo dello Stato. Il dipartimento più colpito dalla scossa è quello di San Marcos – tra i più grandi del paese e confinante con il Messico. I danni più importanti si registrano a San Pedro Sacatepequez – una cittadina del dipartimento che già era stata distrutta nel 1902 dall’eruzione del vulcano Santa Maria – dove sono crollati una quarantina di palazzi, fra i quali una scuola elementare.

I pompieri di San Marcos hanno sottolineato tra l’altro i forti danni sia nelle telecomunicazioni sia nella rete elettrica. Gli altri ‘departamentos’ colpiti sono quelli di Guatemala, Quetzaltenango, Suchitepequez, Totonicapan, Sololà e Quichè. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Obama ha fatto il miracolo perché non ha ceduto

prev
Articolo Successivo

Obama vince per mancanza di alternativa

next