La ‘colpa’ di don Maurizio Patriciello, il parroco di Caivano (Napoli) che da mesi anima una battaglia contro i roghi tossici nell’hinterland napoletano e casertano? Essersi rivolto al prefetto di Caserta, Carmela Pagano, chiamandola “signora”. E non “signora prefetto”, come da protocollo. Circostanza che irrita a tal punto il prefetto di Napoli, Andrea De Martino, da umiliare pubblicamente il prelato: “Lei manca di rispetto per le istituzioni, se io la chiamerei signore come reagirebbe? Mi fa anche dimenticare l’italiano… Se vuole andare via può anche andare… lei l’ha offesa, e ha offeso anche me”. Il prete si prostra in scuse: “Non sono avvezzo a questi consessi, non volevo mancare di rispetto, mi perdonerete tutti quanti”. Ma la mortificazione è compiuta.

Il video risale a giovedì 18 ottobre. Riprende una riunione in prefettura a Napoli sul tema dei rifiuti e degli incendi che avvelenano l’aria e le campagne della cosiddetta “Terra dei fuochi”, quelle zone al confine di Napoli e Caserta sotto assedio di chi sversa abusivamente immondizia e poi la brucia per non lasciare tracce. Partecipano esponenti delle forze dell’ordine, i prefetti di Napoli e Caserta, le associazioni e i comitati dei cittadini vittime dei roghi. E’ un tema serio, delicato. Don Patriciello interviene, si accalora, denuncia la presenza di amianto nei campi colpiti dagli incendi, ringrazia la “signora” che è stata disponibile a riceverlo qualche volta anche senza appuntamento. La signora è il prefetto di Caserta, che ascolta con attenzione e non pare offesa. Invece si offende, e molto, il prefetto di Napoli. Alle sue parole una signora fuori campo reagisce con un commento che ricorda un film di Totò: “Signori si nasce”. Poi la discussione riprende e dopo le scuse, don Maurizio ricorda: “Noi siamo i volontari che vanno a fotografare i roghi rischiando la vita nelle terre dei clan dei casalesi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lazio, ex Idv Maruccio: “Non manca un euro”. Ma spuntano spese per condom

prev
Articolo Successivo

Roma, il rettore della Sapienza Luigi Frati indagato per falso

next