La ”Lettera su Dio” di Albert Einstein sarà venduta su eBay: la missiva, in cui il premio Nobel per la fisica esprime il proprio punto di vista su Dio e la religione, avrà un prezzo di base, nell’asta che si terrà l’8 e il 18 ottobre, di 3 milioni di dollari. Ma secondo le attese il prezzo finale potrebbe arrivare a essere il triplo o il quadruplo. 

“La parola Dio per me non è più di un’espressione e un prodotto della debolezza umana. La Bibbia è una collezione di onorevoli ma primitive leggende per lo più infantili. Nessuna interpretazione, di nessun genere, può cambiare questo per me” afferma Einstein nella lettera datata 3 gennaio 1954, quindi un anno prima della sua morte. La missiva, scritta su carta da lettere dell’Università di Princeton in tedesco, era indirizzata al filosofo Erik Gutkind, di cui Einstein aveva da poco letto il libro ‘Choose Life: The Biblical Call of Revolt’. “Il popolo ebraico al quale sono felice di appartenere e con il quale ho un’affinità non ha qualità diverse rispetto ad altri popoli” scrive ancora Einsten nella lettera, che sarà battuta all’asta nella sua originale busta con francobollo. A cederla è un anonimo venditore che l’aveva acquistata nel 2008 a Londra per 404.000 dollari. Nella missiva Einstein torna su temi sui quali si era già espresso nel 1940 con un articolo su Nature, nel quale affermava che “la scienza senza religione è zoppa e la religione senza scienza cieca”: la dicotomia fra religione e scienza è nata – per Einstein – da “errori fatali”. “La lettere ha un significato storico e culturale” mette in evidenza Eric Gazin, presidente di Auction Cause che curerà l’asta su eBay. “Riteniamo che il prezzo di partenza sia ragionevole data l’importanza storica e l’interesse in Einstein”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cancro al seno, test genetico in futuro per diagnosi precoce

prev
Articolo Successivo

Spazio, l’Esa su Marte anche senza la Nasa Dordain: “Missione unica”

next