Quinta riflessione sul razzismo inviatami dal regista cinematografico Carlo Lizzani.

Il razzismo nascosto.

Le forme più pericolose di razzismo, sono quelle più occulte o latenti, pronte – come certe malattie – a manifestarsi anche in zone del pianeta che ne sembrano immuni.

E’ il caso dell’Italia, per esempio.

L’antisemitismo è stato certamente, nel nostro Paese, meno radicato che in Germania, in Polonia o in Russia.

Ma, a parte l’iscrizione nel libro nero del razzismo che ci guadagnammo per merito di Mussolini, non sarà stato il nostro, un antisemitismo occulto o solo latente grazie alla poca consistenza della comunità ebraica? (Poche decine di migliaia in confronto alle centinaia di migliaia in Francia e ai milioni nell’Europa orientale o in Russia?)

E come eravamo scandalizzati, fino a pochi anni fa, davanti al comportamento di un certo establishment americano nei confronti delle minoranze nere, messicane, latinoamericane e italiane! Come ci sentivamo superiori e civili! Adesso che tocca anche a noi convivere con gruppi sempre più consistenti di extracomunitari? A quali parametri dobbiamo riferirci per adottare comportamenti civili in senso universale (kantiano?)? Quali contromisure vogliamo adottare per evitare che il razzismo italiano diventi un caso?

Il problema è ormai planetario.

Quale può essere il nostro contributo concreto, oltre la scontata “Bonomia italiana”, oramai disoccultata nei suoi aspetti più effimeri?

Carlo Lizzani

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Io nella lista nera degli evasori di Monti

next
Articolo Successivo

L’Arabia Saudita e la pena di morte

next