“Non prendiamo soldi dai partiti e anche stavolta non abbiamo incassato nulla dal Pd, ma dai biglietti venduti per lo show”.  Lucio Presta, manager di Roberto Benigni, nonché di Paolo Bonolis e Antonella Clerici, replica così all’affondo di Beppe Grillo sul cachet intascato dal premio Oscar per la sua partecipazione alla Festa democratica a Reggio. “Se c’è gente che viene a vedere l’artista e paga, incassiamo, altrimenti no. Non c’è nessun minimo garantito. Se poi Grillo vuole discutere di cachet, anche del suo, sono sempre pronto a incontrarlo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Criminalità, spari a Rimini sul lungomare: grave un ragazzo

next
Articolo Successivo

Veltroni: “Nel’68 si socializzava, oggi i giovani sono soli davanti al computer”

next