C’è’ un nuovo indagato nell’inchiesta Maugeri che vede accusato per corruzione Roberto Formigoni. Si tratta di Alberto Perego, l’amico in Comunione e liberazione del governatore lombardo, che avrebbe goduto, secondo l’ipotesi della procura di Milano, di un consistente sconto nell’acquisto di una villa al mare in Sardegna.  Perego, imprenditore brianzolo, 64 anni,  fa parte dei Memores domini, il grado più elevato della scala spirituale di Comunione e Liberazione. Un’appartenenza che comporta vita comunitaria e s’impegna a non possedere niente di personale e a mettere tutto in comune con gli altri confratelli. Negli anni scorsi in più di un’occasione, Formigoni ha beneficiato Perego con bonifici per decine di migliaia di euro. E l’acquisto della villa in Costa Smeralda è solo l’ultimo anello, il più vistoso, di una lunga catena di regalie, omaggi vari e bonifici. Per cui il governatore ha prestato circa un milione di euro all’amico per permettergli di concludere quello che si può considerare un affare visto i prezzi degli immobili nella zona.

La contestazione a Perego emerge dall’invito a comparire inviato ieri a Formigoni. Formalmente ad acquistare la proprietà, tramite l’imprenditore Pierangelo Daccò, nell’ottobre 2011, è Perego, convivente del presidente della Regione Lombardia.  Secondo i pm di Milano la magione a due passi da Porte Cervo sarebbe stata venduta a prezzo di favore dall’imprenditore in carcere per l’inchiesta san Raffaele e Maugeri. Il valore della villa “Li Grazii” sarebbe stato maggiore di almeno 1 milione e 300 mila euro in più. Di Perego aveva parlato anche il comandante di uno degli yatch frequentati dal governatore lomabardo e dall’amico. Secondo il capitano sulla Ojala i due si comportavano come i padroni. Perego è da sempre vicino a Formigoni ed un personaggio che è stato così vicino al presidente da beccarsi una condanna per falsa testimonianza s per aver negato di essere il beneficiario di un conto bancario svizzero nell’inchiesta della Procura di Milano denominata “Oil for food” che ha sfiorato proprio il Celeste. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scarpinato e Ingroia, non lasciamoli soli

prev
Articolo Successivo

Roberto Scarpinato, vietato parlare

next