“Siamo qui a navigare il corso d’acqua della nostra città per dimostrare cosa potrebbe essere il Sarno se tornasse a essere navigabile”. Michele Grimaldi, del movimento ‘La primavera non bussa’, ha scelto un modo singolare per denunciare l’inquinamento del fiume campano: munito di mascherina e tuta bianca, ha attraversato in canoa un tratto del corso d’acqua, fino ad arrivare nel centro della città di Scafati (SA). Malgrado i passi in avanti fatti negli ultimi anni, le condizioni del fiume restano critiche. Colpa degli scarichi industriali illeciti, dei rifiuti abbandonati, e soprattutto dell’assenza di adeguati sistemi di fognatura e collettamento di alcuni Comuni del comprensorio. Compresa Scafati, dove in alcuni casi gli scarichi delle abitazioni finiscono direttamente nei canali che attraversano la città  di Andrea Postiglione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acerra vince il premio “Start up” per “Comuni ricicloni” di Legambiente

next
Articolo Successivo

Tav: spostare le priorità

next