State attenti all’aria condizionata: è colpa sua se un’orrenda otite purulenta (fa un po’ schifo lo so) mi costringe in casa nei giorni della peggior calura milanese. Chissenefrega direte voi. Calma. Ora spiego.

E’ a causa del fastidioso ronzio all’orecchio sinistro che quando sento al telegiornale la notizia della nuova discesa in campo del Nano Barzotto, penso sia una mancata comprensione a causa del mio calo uditivo. Ma le immagini che scorrono sul video e le notizie sui giornali mi confermano l’ignobile misfatto.

Cerco di mantenere la calma e di distrarmi con un pensiero positivo, magari un ricordo piacevole dell’infanzia ma, non so perché, mi viene in mente solo Al Bano che canta “Quando il sole nascerà”. Forse, il mio inconscio vagheggia ancora al sol dell’avvenire, quello che aspetto da secoli e non si degna di sorgere mai.

Questa notizia non ci voleva, ho già l’otite adesso mi verrà pure la depressione. Nel PDL invece sono tutti felici, anche il povero Alfano che sorride come un clown quando gli sfilano la sedia da sotto il sedere. Gioisce perfino la severa Santanchè, e deve stare attenta a sorridere perché con tutti i lifting che ha fatto se ride troppo le partono i capezzoli e acceca qualcuno. Ride la “Nostra Santa del botox” perché ci ha ripensato: “Non è vero che Silvio ama le donne solo quando sono orizzontali, mi sono sbagliata”, dice. In effetti, si può scopare benissimo anche in piedi.

Le varie Olgettine, Patatine, Pecorelle e Pecorine sono in fibrillazione: chi di loro aveva appeso il tanga al chiodo per aprire una tabaccheria si sta pentendo. Le altre, in crisi d’astinenza di borse Louis Vouitton (e non solo), sono già dall’estetista per una depilazione brasiliana indispensabile in ogni bourlesque che si rispetti. Ma anche qui arriva uno stop: dall’alto vogliono la testa della Minetti e speriamo che almeno abbia fatto la pulizia dei denti.

Insomma non bisogna dare nulla per scontato e darsi ancora una volta da fare perché sorga di nuovo il sole. Se non quello dell’avvenire almeno quello di Albano!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vado, salvo l’euro e torno

prev
Articolo Successivo

Berlusconi come Bonnie &Clyde?

next