Per combattere la corruzione dilagante, i vertici militari in Cina hanno approvato un emendamento secondo il quale gli alti ufficiali delle forze armate dovranno rendere noti i propri patrimoni alle autorità di controllo. Si tratta dell’ennesima mossa in direzione di una maggiore trasparenza dei potenti cinesi: movimenti anti casta, da tempo infatti, chiedono anche ai politici di rendere pubblici i propri patrimoni.

La corruzione costituisce uno dei punti più deboli dell’intero sistema cinese. Ogni giorno si procede ad arresti e inchieste che vanno a colpire politici, imprenditori e spesso anche membri dell’esercito. Dopo varie proteste, compresa una straordinaria petizione firmata da 180 persone, l’esercito, pare su indicazione del presidente Hu Jintao, ha deciso di provvedere a stabilire una regola che preveda di rendere noti i patrimoni degli alti ufficiali.

La corruzione nelle file dell’esercito cinese – che ancora conta moltissimo negli equilibri politici del paese – è un fenomeno rilevante. I media di Hong Kong, più liberi di criticare rispetto a quelli continentali hanno scritto infatti che “l’Esercito di liberazione popolare – e soprattutto la sua leadership di alto e medio livello – è stato afflitto da scandali legati alla corruzione che hanno rovinato l’immagine dei militari sia in patria sia all’estero”.

Due casi divennero emblematici: il generale Gu Junshan, “licenziato dal suo posto come capo del Dipartimento generale per la logistica dell’Esercito di liberazione” ed indagato perché scoperto a prendere tangenti, dato che spesso gli alti ufficiali gestiscono progetti di business, che fruttano molti soldi, grazie ai contatti e alle relazioni che vengono sviluppati in quanto membri dell’Esercito. L’altro caso si riferisce a Zhang Musheng, ricercatore nel settore dell’agricoltura vicino alle alte sfere dell’esercito, secondo il quale “un generale proveniente dallo Shanxi avrebbe acquistato del terreno nel cuore di Shanghai a 20 milioni di yuan e lo avrebbe rivenduto ad un uomo d’affari per due miliardi di yuan”.

La notizia circa la pubblicazione dei redditi è stata riportata direttamente dal People’s Liberation Army Daily, secondo il quale i nuovi regolamenti richiedono agli ufficiali di “registrarsi e fare rapporto agli organi di controllo sui propri patrimoni, proprietà e investimenti”. Secondo analisti locali la mossa pare sia stata fortemente voluta da Hu Jintao: nel momento di passaggio dei poteri, l’attuale presidente pare stia giocando tutte le sue carte per lasciare a Xi Jinping il campo aperto e libero da potenziali nemici. E nell’esercito, la forza di Jiang Zemin, la cui cricca è considerata avversa a Hu Jintao, è ancora tanta.

Il tentativo di rendere l’esercito cinese più trasparente è inoltre una tendenza che anima le recenti proteste anti-casta in Cina. Nel Regno di Mezzo, infatti, il potere economico e quello politico coincidono, tanto che secondo un cable del luglio 2009 rilasciato da Wikileaks, i destini economici della nazione sarebbero decisi proprio dai diritti acquisti in termini monetari, da parte dei leader politici e le loro famiglie.

La Cina sarebbe quindi in mano a gruppi diversi, a capo di imperi economici nei settori chiave, spesso in competizione e in scontro aperto tra loro. Una situazione talmente palese, che grazie allo sviluppo di internet e la corsa del paese verso il progresso economico, ha finito per arrivare all’orecchio del popolo.

Nei mesi scorsi a Canton si svolse una protesta particolare: alcune persone scesero per strada con cartelli, nei quali chiedevano che i politici cinesi svelassero i propri patrimoni economici. Sei persone sono state arrestate, ma la protesta ha rappresentato l’acme di alcune sensazioni che cominciano a serpeggiare nella complessa e frastagliata società civile cinese. Tra le scritte proposte dai pochi scesi in strada c’erano: «nessun voto, nessun futuro» e «uguaglianza, giustizia, libertà, diritti umani, Stato di diritto, democrazia».

Nell’aprile scorso, inoltre, 180 utenti di internet avevano coraggiosamente firmato una petizione invitando il governo a rendere pubblici i propri patrimoni economici. Tutti furono immediatamente invitati a bere una tazza di tè – un eufemismo per indicare una convocazione ad un posto di polizia per un interrogatorio- secondo quanto aveva affermato uno dei firmatari, Guo Yongfeng, un blogger di Shenzhen.

di Simone Pieranni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Una radio per i “britaliani”

next
Articolo Successivo

Paraguay: è caduto giù Fernando

next